Post recenti su Facebook

Unable to display Facebook posts.
Show error

Error: Error validating application. Application has been deleted.
Type: OAuthException
Code: 190
Please refer to our Error Message Reference.

Posts in "Attualità" category

Come un baleno

WP_20150608_006

Luce. In una calda notte d’estate con la luce d’una lanterna lui bussa alla mia porta. Pare che il fuoco sia il mezzo che ci permette d’incontrarci, che ci tiene uniti. Il mio amico Pus è tornato dal Nord. Solo per pochi giorni e poi ripartirà. Al cospetto di un firmamento stellato, una storia nuova si nota brillare nei suoi occhi, qualcosa che suona di celtico e antico. Scintille d’infinito paiono sgorgare dai suoi racconti ma una vena di nostalgia mina la sua voce. Api grosse come un pugno e favi stillanti di miele selvatico. Sconfinate praterie innevate e l’infrangersi di fragorose onde sulle scogliere. Draghi indomabili e burberi autoctoni. Montagne inospitali e lanci nel vuoto.

Casa. Non solo un luogo che ci lega alle tradizioni, il nostro cordone ombelicale non può essere tranciato. Il tempo d’un abbraccio e in un baleno così com’era venuto, scompare. Come in un sogno, Pus torna alle sue nuove battaglie, al freddo, con la viva speranza d’incontrarci ancora. La luce s’allontana e come una stella balena nell’immensità.

 WP_20150609_002

 

Bologna Children’s Book Fair 2015

WP_20150401_005

Per il genere di viaggio che ho intrapreso questa volta non è servito portare l’Opinel o zaini colmi d’attrezzature d’escursionismo, anzi! Più utili sono stati un quaderno per appunti, un po’ di provviste e tanta voglia d’imparare qualcosa di nuovo. Al mattino di quel giorno mi sentivo come uno scolaretto in gita, pronto a fermarmi davanti alla prima cosa singolare, e così è stato! Appena varcato il gateway i miei occhi e le mie orecchie sono stati travolti da colori, parole, quadri, applausi scroscianti, pennellate stupende su cartonati, voci al microfono, risate, illusioni, artisti e scrittori per tutti i gusti!

Incuriosito dalla folla che si spostava frettolosamente da un posto all’altro, ho cercato di comprendere cosa fosse tutto quell’ansimare! Guardai il programma, era fitto fitto di incontri uno più stimolante dell’altro con speaker di spessore e autori di fama internazionale! In quel preciso momento compresi che non sarebbe stata una semplice gita ma un’esperienza di vita!

WP_20150401_019Guardando la grande mappa appesa, mi resi conto che forse la bussola avrebbe fatto comodo! Senza perdermi d’animo mi lanciai anch’io con gli altri avventori e mi intrufolai nella sala più affollata in quel momento e ascoltai Aidan Chambers parlare del suo libro: “Il lettore infinito”. Un vero maestro! Mi ha colpito una sua frase: “L’anima è l’essenza del tuo essere. Quindi la domanda interessante è: qual è l’essenza del tuo essere? Io ancora non lo so e la bellezza credo sia proprio nel ricercarla.” Un’altra cosa che mi ha stuzzicato è stato apprendere che nei primi tre anni di vita si assimila la maggior parte di tutti i vocaboli che si potranno conoscere nell’intera propria esistenza. Ho pensato ai miei primi anni, tra Italia e Brasile. Alla ricchezza che questa curiosa mescolanza di due idiomi mi ha portato in dono.

Uscito dalla sala mi sono inoltrato per i corridoi scoprendo che la produzione letteraria per ragazzi è un mondo vastissimo e diverso di Stato in Stato. Ogni editore proponeva gli scrittori della propria nazione, promuovendo le passioni, i colori e le tematiche intessute con la viva realtà e le esperienze derivanti della propria Terra.

Ho scovato libri illustrati dalla bellezza travolgente e libri senza figure che richiedevano d’essere letti interamente per quello che erano da un adulto e ascoltati da un bambino. Cartelloni dai consigli utili posti strategicamente in modo d’incapparci davanti, lo Stregatto, procioni che si abbronzavano al caldo sole della giornata, pozioni magiche ed effetti speciali, libri che creavano interi condomini di carta con tanto di biancheria appesa e una parete interamente dedicata alla creatività!

bologna children bookSolo in conclusione di giornata sono riuscito a passare allo stand di RCS, il gruppo editoriale che gestisce la distribuzione di “Lhotar e il risveglio del Marskull”. Infine, esausto ma decisamente soddisfatto, ho intrapreso la via del ritorno!

Emporio – Lucca Comics 2014

luccalocandina

Prima meta del viaggio: una magica città! Per raggiungerla si può scorgere la via solo alle prime luci dell’alba. Una destinazione che richiama viaggiatori di ogni dove! Una zona di confine in cui la realtà si mescola con l’immaginario. Il fatto stupefacente è che questa località è reale e proprio lì, assieme a impavidi compagni, mi sono diretto.

Il fato ci ha assistito col tepore del sole e con una comoda stalla per riporre i nostri stanchi cavalli. Giunti alle mura di questo sorprendente luogo, già un tumulto d’avventurieri composto dalle più svariate razze, tentava d’assalire l’area games! Ero a conoscenza di una scorciatoia ben sicura per entrare furtivamente ma una guardia dall’occhio lungo ci ha subito fermati e, imitando re Leonida con l’ambasciatore persiano, ci ha respinti nel turbinio di braccia, spade, ragnatele e orsetti gommosi.

All’interno di un palazzo, con il loro magico scintillio erano esposti gli armamentari, i tomi e i forzieri traboccanti di svariati oggetti forgiati dalle abili mani di nani, elfi e stampanti 3d. Avanzando con difficoltà tra i banconi dello spaccio ho avuto modo di vedere Superman comprare un fumetto di Lamù, Hulk Hogan condividere la sua bibita energetica con il dottor Octopus e mentre Naruto intraprendeva un’incalzante lotta contro Spawn, perché gli aveva pestato una delle sue code, Wolverine ci provava spudoratamente con un’avvenente Catwoman!

Il rancio è stato consumato fugacemente al di fuori delle mura, con una porzione di ramen ben caldo. In sostanza una brodaglia rivitalizzante il cui sapore varia dal ferruginoso sangue di drago al più comune insaccato di troll, dallo speziato gusto di salamandra al gommoso copertone affumicato.

Uno squillo di tromba e velocemente siamo entrati nell’arena al cui interno un mago stava sfidando un gargoyle di ferro. Non abbiamo fatto in tempo a risolvere l’enigma della sfinge che uno spaventoso fulmine rimbalzato sulla corazza del mostro è piombato su di noi e per poco non ci seccava tutti!

Al bazar non è stato facile resistere alla tentazione di dilapidare i nostri averi duramente guadagnati in lunghe ed estenuanti avventure. All’uscita mi sentivo come Ulisse legato all’albero maestro della nave dopo essere passato accanto alle sirene. Il nome di una pozione magica ha però attratto il mio sguardo e un simpatico treant mi ha senza indugio convinto a comprarla: “Respiro del bosco”. Si tratta di un cofanetto al cui interno è presente niente popò di meno che l’essenza primordiale degli alberi, mica pizza e fichi insomma!

Con il calar delle tenebre anche gli ospedalieri, con la loro pelle rossa, hanno tirato un respiro di sollievo riponendo gli oli e gli unguenti nei loro bauli. E mentre gli avventurieri provenienti da altri monti assalivano l’area dei portali magici, noi ne abbiamo approfittato per fagocitare al volo un panino tipicamente toscano: affettato di folletto burlone, senza fontina perché esaurita. Non male!

Recuperati i nostri cavalli, colmi ancora di spirito avventuroso ci siamo diretti al galoppo verso nord, dove dopo non poco tempo e un Morfeo che incombeva di continuo, una branda ci ha accolti per risanare le nostre stanche membra.

ioramen